UNA RIFLESSIONE SUL GIRONE DI ANDATA DELLA CINGOLANA

Alto soprattutto il rendimento dei giovani nella squadra pił giovane del Campionato di Eccellenza

Giorgio Giorgi
La Cingolana, pur con la "rosa" anagraficamente più giovane del Campionato (21 anni di media), è, al termine del Girone di Andata, in piena corsa negli obbiettivi che la Dirigenza si è posta a inizio Stagione:
piena zona play off in classifica nel Campionato Regionale di Eccellenza, girone finale Coppa Italia Dilettanti Eccellenza - Marche e valorizzazione dei giovani locali.
Infatti, la squadra del Presidente Pelagagge è, in Eccellenza, con 27 punti in 17 incontri, al 5° posto in coabitazione con le ben più blasonate Civitanovese e Urbino, ma a solo un punto dalla coppia Piano S.Lazzaro-Fermignanese, squadre ben attrezzate per questo difficile e equilibratissimo campionato.
Ma di più...la vetta non è poi così lontana: a soli 5 punti il Fossombrone targato Bikkembergs (che meriterebbe altri scenari se non altro per la griffe e i nomi altisonanti che ne compongono la "rosa" di quest'anno) e a -6 punti dai campioni d'inverno della forte Recanatese, che, tuttavia, la squadra del Balcone delle Marche ha già battuto 2 volte, in casa, sempre per 2-0, sia in Campionato che nel girone di semifinale di Coppa...
La squadra allenata dal bravo e appassionato mister Senigagliesi, pareggia un po' troppo (9 risultati "nulli"), ma è la meno battuta del campionato (con sole 2 sconfitte in 21 gare ufficiali, di cui quella infrasettimanale casalinga a Ottobre, con il Real Vallesina, si può definire sicuramente "stregata" ...). La difesa, guidata dal grande capitano Fabio Tombesi, è la migliore del campionato (ben 10 partite ufficiali senza subire gol!), ma la squadra è forte in ogni reparto, anche se non finalizza a dovere, in termini di gol fatti, quanto prodotto dall'eccelsa e disinvolta qualità manovriera del collettivo.
Note positive sono state i recuperi di pedine fondamentali gravemente infortunati come il centrocampista centrale cingolano, assai dotato tecnicamente Lorenzo Gigli, il portiere-saracinesca Ruspantini e il giovane Giattini, oltre alla valorizzazione di giovanissimi cresciuti calcisticamente a Cingoli: in particolare Schiavoni, 16 presenze e Piccini, 12 presenze, 2 gol "pesanti", già sotto gli occhi attenti di numerosi osservatori di squadre professionistiche...



Ne avrà per 3/4 mesi l'attaccante osimano Burini, classe 1987, che si è operato ai crociati del ginocchio, mentre sono in via di recupero gli infortunati di questo ultimo scorcio del girone di Andata, il forte esterno di centrocampo Alessandro Gigli, 1 rete fondamentale a Fossombrone e il fantasista argentino Aquino, 2 gol ma da cui ci si aspetta molto di più nel girone di ritorno, "croce e delizia" del reparto offensivo biancorosso, limitato finora da numerosi e fastidiosi acciacchi fisici....
Per quanto riguarda l'attacco, oltre al fondamentale apporto della veloce e grintosa punta Luca Sacchi, cannoniere della squadra con 4 reti, positivo è stato l'esordio dell'ultimo arrivato Saverio Mastrojanni, assai impegnato e responsabilizzato nell'ultima giornata pre-natalizia vittoriosa di Caldarola; il giovane attaccante napoletano classe 1984, l'anno scorso in forza al Riccione (serie D) sta adeguandosi ai movimenti della squadra, perfezionando l'intesa con il gruppo, il cui spirito e i legami forti esistenti tra giocatori, staff tecnico e società sono l'arma in più di questa nostra équipe!
In sintesi, si può affermare che è stato pianificato, per la STAGIONE 2006-2007, un progetto coraggioso che sta dando i suoi frutti: mercato oculato e valorizzazione dei giovani locali che, tecnicamente validi, hanno pienamente ripagato la fiducia (ultimo felice debutto quello del diciottenne Maccioni).
Avremo meritato dai 3 ai 5 punti in più in questa prima metà del Torneo: la Cingolana ha difficoltà a concretizzare ma, per mentalità, volontà a costruire e impostazione tattica, gioca sempre per vincere e quasi mai con una sola punta...l'organico non abbonda di elementi con attitudine a fare tanti gol, a prescindere dal ruolo...in termini realizzativi, ritrovare un Aquino fisicamente al meglio, il pieno recupero di tutti gli infortunati e i riabilitati ancora in cerca della migliore condizione, il nuovo arrivo Mastrojanni cui auguriamo di lasciare lo stesso buon ricordo dell'attaccante Bonsignore nella stagione scorsa, avendone le potenzialità offensive, ma soprattutto il CUORE e lo SPIRITO di GRUPPO, insieme al forte attaccamento alla maglia e alla "cingolanità" di alcuni elementi fondamentali, sono le "giuste motivazioni" per fare un effettivo "salto di qualità" e regalare tante soddisfazioni agli esigenti sportivi cingolani nell'anno appena iniziato!

Postato da Giorgio Leggi tutto Commenti (0) 10:09:37 - 2007-01-02